Il veggente: intervista a Saverio Gaeta

Il veggente. Il segreto delle Tre Fontane

Il veggente. Il segreto delle Tre Fontane

Saverio Gaeta, caporedattore di «Famiglia Cristiana» e scrittore, ha da poco pubblicato Il veggente. Il segreto delle Tre Fontane (Salani) dedicato a Bruno Cornacchiola. Vi proponiamo in anteprima uno stralcio dell’intervista rilasciata alla nostra redazione.

San Paolo Store: Il Veggente del suo libro è Bruno Cornacchiola che, a partire dal 1947 nella località delle Tre Fontane a Roma, ebbe decine di apparizioni della Madonna. Chi era quest’uomo?

Saverio Gaeta: Un personaggio straordinario, veramente da romanzo. Durante la guerra di Spagna si convinse che il Papa era l’anticristo e stabilì che lo avrebbe ucciso. Tornato a Roma divenne il miglior propagandista dell’Avventismo protestante. Si era recato alle Tre Fontane per scrivere un discorso contro i dogmi mariani, ma la visione della Vergine della Rivelazione lo fece diventare un convertito “tutto d’un pezzo”, che dava persino fastidio al quieto vivere ecclesiastico. E per tutta la vita ha continuato a ricevere dalla Madonna profezie e messaggi che lo invitavano in particolare a difendere la “retta dottrina”.

SPS: Le rivelazioni al veggente Cornacchiola sono rimaste nascoste per molto tempo. Perché sottovalutate o per altri motivi?

SG: Occorrerebbe chiederlo ai responsabili della Congregazione per la dottrina della fede, dove sono custoditi questi e tanti altri messaggi di ispirazione soprannaturale. Indubbiamente non è facile essere certi della loro soprannaturalità. Però la mia impressione è che in generale si preferisce rinchiuderli in un oscuro archivio, piuttosto che interrogarsi sui motivi per cui la Madonna continua a intervenire nella storia umana richiamando alla conversione dei cuori. Sono convinto che un maggior sforzo nello studiarli e nel presentarli adeguatamente ai fedeli sarebbe l’atteggiamento più giusto. Personalmente è quello che provo a fare.

Leggi l’intervista completa a Saverio Gaeta sul nostro sito sanpaolostore.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.