Andrea Riccardi e il genocidio degli armeni

Papa Francesco nei giorni scorsi ha ricordato con grande coraggio il genocidio degli armeni di cui quest’anno ricorre il centenario.
Sul tema, Andrea Riccardi ha scritto il volume La strage dei cristiani. Mardin, gli armeni e la fine di un mondo, pubblicato da Laterza, che sta riscuotendo notevole interesse.
9788858119570g_110_200_0Sergio Romano sul Corriere della Sera ricorda come Riccardi non sia solo il fondatore della Comunità di Sant’Egidio e, quindi, un cattolico militante, ma anche uno studioso a cui preme ricostruire il contesto storico di quelle persecuzioni.
Il libro è anzitutto un’opera di pietà storica, scritta per ricordare la sorte dei cristiani d’Oriente, travolti anche in anni più recenti dalle guerre combattute in Libano, in Iraq, e in Siria.
Del volume ha parlato anche Marco Roncalli su Avvenire, sottolineando come Riccardi ricostruisca un quadro ampio seguendo l’esplosione delle violenze, cogliendo la peculiarità di quelle del 1915 legate alla mobilitazione bellica della società ottomane contro le potenze «cristiane» dell’Intesa.
Riccardi non si limita a ricostruire il passato ma riflette anche sul presente, su quanto succede al confine tra Siria e Iraq, offrendo al lettore un visione nitida e precisa della situazione attuale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.